La Musica di Dante, i cori giovanili italiani alla corte del sommo Poeta

Per l'intero 2021 in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri (1321 - 2021)

Il progetto La Musica di Dante, i cori giovanili italiani alla corte del sommo Poeta si articola quale percorso musicale e corale che coinvolge 9 cori giovani regionali italiani in sessioni di studio e formazione sul territorio alle quali segue una stagione concertistica distribuita in tutta Italia. Nel contempo a 9 compositori vengono commissionate 9 nuove composizioni composte su misura per ciascun coro e ispirate a Dante Alighieri. Il progetto prevede inoltre la pubblicazione di un volume con le composizioni oltre alla realizzazione di un compact disc. Il progetto termina con un convivio corale di 4 giorni, dal 9 al 12 dicembre 2021, in Toscana con la partecipazione di tutte le selezioni corali coinvolte con un concerto finale a conclusione dell’anno corale dantesco. 

I cori coinvolti

ARCoPu Associazione Regionale Cori PugliesiCoro Giovanile Pugliese
ARCA Associazione Regionale Cori d'Abruzzo | Coro Giovanile d'Abruzzo
OCC Organizzazione Cori della Calabria | Coro Giovanile Calabrese
ARCC Associazione Regionale Cori Campani | Coro Giovanile Campano
USCI Unione Società Corali Friuli Venezia Giulia | Coro Giovanile Regionale del Friuli Venezia Giulia
ACP Associazione Regionale Cori Piemontesi | Coro Giovanile Piemontese
FERSACO Federazione Regionale Sarda Associazioni Corali | Coro Giovanile Sardo
ACT Associazione Regionale Cori Toscana | Coro Giovanile Toscano
ARCOVA Associazione Regionale Cori Valle d'Aosta | Arcova Vocal Ensemble

Il progetto rientra nell'ambito delle attività di coordinamento e di rete di Feniarco, nel rispetto dell'autonomia territoriale.

La Numerologia

La Divina Commedia è un costante collegamento alla numerologia. Dante non possedeva soltanto una cultura di tipo umanistico, ma anche scientifico e filosofico. Il rapporto tra la numerologia, tra la scelta non casuale del ricorrere di alcuni numeri, e la Divina Commedia è evidente in tutta l’opera, sia a livello strutturale che narrativo. Il progetto presentato ne perpetua il tracciato numerologico con un sottile fil rouge lungo 700 anni giungendo sino a noi.

3 rimanda alla Trinità Cristiana, alla perfezione e alla conoscenza;
9 è il quadrato di 3, rappresenta il cambiamento e l’invenzione;
3 sono le cantiche;
3 è il rapporto conservato nella terzina di endecasillabi a rima incatenata;
3 sono i differenti regni: Inferno, Purgatorio e Paradiso; 
3 diverse guide: Virgilio, che rappresenta la ragione, Beatrice, simbolo della grazia e infine San Bernardo, emblema dell’ardore mistico;
9 sono i cerchi dell’Inferno dove Dante incontra 3 fiere e attraversa 3 fiumi (Acheronte, Stige, Flegetonte);
3 sono gli scalini di accesso del Purgatorio;
9 sono i cieli mobili del Paradiso;
3 i gruppi in sui sono suddivisi i peccatori nell’Inferno (gli incontinenti, i violenti e i fraudolenti);
3 i gruppi in sui sono suddivise le anime del Purgatorio (coloro che indirizzarono il loro amore su un oggetto sbagliato, quelli che furono poco solleciti al bene e quelli che amarono troppo i beni mondani);
3 i gruppi in sui sono suddivisi i beati in Paradiso (gli spiriti che furono dediti alla ricerca della gloria terrena, gli spiriti attivi e gli spiriti contemplativi);
9 sono le regioni coinvolte nel progetto corale;
9 i cori giovanili;
9 sono i compositori coinvolti e 9 saranno le nuove composizioni che verranno realizzate;
3 sono le regioni coinvolte nel sud (Puglia, Campania e Calabria);
3 le regioni coinvolte nel centro (Toscana, Sardegna e Abruzzo);
3 le regioni nel nord del Paese (Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta);
3 le regioni che realizzeranno una proposta repertoriale e una nuova composizione traendo spunto dal Paradiso (Calabria, Campania e Friuli Venezia Giulia);
3 le regioni che realizzeranno una proposta repertoriale e una nuova composizione traendo spunto dal Purgatorio (Abruzzo, Puglia e Piemonte);
3 le regioni che realizzeranno una proposta repertoriale e una nuova composizione traendo spunto dall’Inferno (Toscana, Sardegna e Valle d’Aosta);

La struttura e le diverse fasi

Il progetto si articola in 5 fasi così strutturate:

Stage di formazione
Le formazioni iniziano la loro preparazione su un progetto repertoriale disegnato in team appositamente e su misura per le singole formazioni corali. Gli stage corali saranno pensati prima, durante e dopo l’estate.

Nuove composizioni
A nove compositori viene commissionata una nuova composizione per coro su un tema tratto da specifiche e concordate cantiche della Divina Commedia per dar vita a nove nuove composizioni cucite per ciascuna selezione corale. Le composizioni verranno poi pubblicate da ARCoPu Edizioni Musicali e pubblicate in un volume dedicato.

Stagione concertistica con ciclo di concerti
Le nove formazioni giovanili regionali saranno impegnate in 18 concerti distribuiti sul territorio nazionale in un’articolata stagione tra luglio e dicembre 2021.

Incisione discografica
Le nove nuove composizioni saranno incise dalle singole formazioni corali e diverranno parte di un progetto discografico che sarà poi presentato e divulgato in tutta Italia.

Convivio corale
I cori giovanili regionali si daranno appuntamento a dicembre 2021 in Toscana per la realizzazione di una residenza artistica di 4  giorni con scambi d’esperienze, sessioni di canto in comune, meeting corali e musica insieme per terminare con un concerto a Firenze a conclusione dell’anno corale dantesco.

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più . Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.